pilates e comportamento di un trainer del metodo

Pilates e comportamento di un Trainer del Metodo

Questo metodo di allenamento nasce da una ricca serie di esercizi basati sulla qualità di esecuzione, controllo e propriocezione del corpo, precisione, equilibrio e flessibilità.

Data la sua natura ed i suoi scopi sportivi e terapeutici risulta oggi una delle discipline più in voga del momento. 

Il metodo può essere strutturato sia all’interno di una  tipica lezione di gruppo con il solo ausilio del tappetino e del nostro corpo (Matwork), oppure da una lezione appena più complessa con i piccoli attrezzi (Circle, Roll Ball, ecc.), infine la lezione individuale (consigliata) o di gruppo con i grandi attrezzi (Reformer, Cadillac) per la quale occorre scrupolosamente seguire con attenzione le istruzioni del trainer di Pilates..

Per un trainer prima di affrontare i propri corsi con il pubblico, risulta essere necessario e fondamentale frequentare un apposito corso introduttivo per acquisire lui stesso tutte le nozioni necessarie allo svolgimento del percorso di PILATES MATWORK, PILATES con PICCOLI ATTREZZI e PILATES REFORMER.

Per trasmettere gli esercizi alla gente, non basta solo essere laureati in scienze motorie o aver lavorato come personal trainer per brand esclusivi, la conoscenza dei principali fondamenti del metodo Pilates è molto seria, ed occorre una vera e propria scuola anche sul campo lavorativo, con esami e attestati di qualifica nazionali.

Un buon compromesso per essere un ottimo insegnante, è senz’altro quello di avere bisogno del Pilates anche all’interno della nostra vita privata e quotidiana, i migliori insegnanti sono coloro che col tempo hanno dovuto coltivare la disciplina attraverso il sapere e la necessità stessa del dover sapere.

Normalmente in una classica lezione di Pilates si va dagli esercizi meno impegnativi a quelli molto intensi, tutti utili alla scoperta del nostro corpo e della relativa poco utilizzata muscolatura profonda (uno degli obiettivi è proprio basato sulla riattivazione della stessa).

Molto importante, se non universale, la connessione tra mente e corpo. 

Non scegliamo il Pilates tanto per fare movimento ginnico, ma per aumentare e ricercare la consapevolezza di ciò che stiamo attivando muscolarmente, naturalmente, anche basandoci sul come stiamo muovendo quella precisa parte.

Il Matwork è il Pilates che senz’altro riesce ad avvicinare un corpo umano maggiormente alla connessione diretta tra la mente e le sue placche muscolari periferiche, questo per il fatto che la lezione a corpo libero dispensa molte più nozioni fisiche rispetto ad una lezione eseguita attraverso i macchinari (anch’essi molto efficaci).

Nel Pilates non ci sono gare o competizioni, giudizi, punteggio record, se non con noi stessi. Si lavora per migliorare la tonicità’ muscolare, si arriva ai muscoli più profondi ed al massaggio degli organi interni, con particolare attenzione al “core” del nostro corpo, o “centro”, per gli orientali “hara”

La Postura e’ quindi un punto focale, tanto da considerare il Pilates un metodo riabilitativo a tutti gli effetti. 

Attraverso la mobilità della colonna vertebrale, si agisce sulle naturali curve fisiologiche per prevenire eventuali patologie discali, o disarmonie diffuse, come scoliosi, cifosi e lordosi. Inoltre si impara a stabilizzare, isolare parti del corpo per poi muoverne altrettante, tramite un continuo crescendo di allenamento.

Il metodo è riconosciuto da molti anche per l’accrescimento della nostra autostima.

Il tutto a carico naturale, solo con il peso del nostro corpo, attraverso un lavoro di anti-gravità, con eleganza ed armonia e senza la perdita di equilibrio interno ed esterno.

Non sarebbe affatto errato inoltre se il docente che ci segue abbia una buona infarinatura, od ancor meglio abbia seguito uno studio parallelo del funzionamento del sistema posturale attraverso le tecniche di Mezieres-Souchard, adeguate alla prevenzione ed al trattamento delle algie posturali e dei paramorfismi vertebrali, paramorfismi, dismorfismi e algie vertebrali cosa inoltre, per un potenziale insegnante di Pilates, come accennato davvero importante.

Nell’insieme può tranquillamente risultare una nuova figura professionale per il benessere dei clienti.

Il corso di ginnastica posturale costituisce l’anello di giuntura fra le varie specializzazioni ottenute in posturologia. 

Lo sviluppo di una nuova professionalità si colloca ad hoc nel panorama del fitness moderno molto attento alla risoluzione delle problematiche a livello fisico e posturale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *